Sono questi i risultati dell'accordo VVF CoNaGAI?

Opzioni
amedeomr_desantis
Ho trovato in rete il resoconto del collega Paolo Caruso, che è stato testimone di una sconcertante vicenda accaduta domenica scorsa sul versante sud del Monte Vettore, la cima più elevata del gruppo dei Monti Sibillini. Riporto il link (testo e immagini) augurandomi che possa avviare proficue e ragionevoli elaborazioni da parte di tutti coloro che hanno a cuore le vicende del soccorso in montagna.

Commenti

  • caruso_paolo
    Caro Amedeo, mi trovi pienamente concorde. Non è esattamente onorevole e neanche indice di responsabilità e di serietà far passare mesi e mesi in una situazione di stallo. Ma soprattutto non è funzionale alla categoria e alla sua difesa. A volte mi chiedo quante cose avremmo potuto fare trasformando il tempo dedicato ai collegi e alle lotte varie in energie spese in positivo, per costruire qualcosa: ad esempio, nella formazione e nella promozione delle nostre attività. Pensiamo a quante cose potremmo fare con le risorse che ogni anno si spendono già solo per tenere in piedi tutti i collegi... Per quanto mi riguarda, come hai potuto constatare di persona, continuo a sviluppare contenuti di tecnica e di formazione senza sostegno alcuno da parte del Collegio. Il bello è che poi queste mie fatiche si riversano per scopiazzamento a distanza, anche se ovviamente in modo del tutto approssimativo, nel calderone della categoria... Mi chiedo ancora: quanta strada avremmo percorso e quanta professionalità in più avremmo posseduto come categoria facendo le cose per bene, anche sostenendo tutti la ricerca? Purtroppo per gli italiani trovo molta più correttezza e voglia di fare e grande interesse presso i nostri colleghi d'oltralpe. Buon per loro. Io ho smesso di credere che valga la pena insistere e sacrificarsi per chi è cieco, sordo o gioca a fare il furbastro. Anche per questo, nonostante ci siano interventi positivi e lungimiranti di alcuni, che ringrazio fortemente anche per il solo fatto di esserci, penso che sia opportuno dedicare le nostre energie ad altre questioni importanti, come il testo tecnico per AIML/UIMLA e lasciare tutto il campo al nostro caro Stefano che su questo forum potrà così continuare a decantare le lodi di vittorie immaginate o sognate... Continuerò a seguire le azioni del Nazionale ma se continueranno a sbagliare e ad agire come in una dittatura, mi impegnerò personalmente per cambiare completamente lo scenario, per il bene della categoria. In ogni caso se ci fosse bisogno, resto a disposizione purchè si tratti di azioni in positivo.

    Buona vita a tutti. 
  • amedeomr_desantis




    @page { margin: 2cm }
    p { margin-bottom: 0.25cm; line-height: 120% }

    Ma scusate, come
    faccio ad essere incondizionatamente compiaciuto e orgoglioso di far
    parte del Collegio nazionale? Non voglio entrare nel merito delle
    diverse e discutibili vicende che di recente si sono succedute e
    hanno animato il dibattito. Vorrei però invitare a una riflessione:
    vi pare possibile che dopo un'accesa disputa elettorale, al
    raggiungimento dei risultati, non si possa procedere all'elezione del
    nuovo Presidente perché i contendenti non hanno tempo per
    occuparsene e pertanto, con il benestare entusiasta di tutti i
    componenti della mailing list del Direttivo, si sia rimandato a data
    da destinarsi (forse ottobre) il momento nel quale ci si potrà
    riunire dando seguito (forse) al risultato elettorale? A mio avviso
    significa che possono tranquillamente passare quattro mesi poiché
    evidentemente non ci sono impellenze delle quali occuparsi. Ma allora
    a cosa serve tutto questo carrozzone? Sono compiaciuto e orgoglioso
    di far parte dell'AGAI, anche per fondamentali motivi storici e non
    sarebbe meglio che fosse proprio l'AGAI a riprendere le redini di
    tutte le nostre vicende professionali? Se nessuno ha tempo e voglia
    sufficienti, per occuparsi del Collegio, che senso ha tenere in piedi
    una costruzione così complessa e per molti versi addirittura penalizzante? Un
    Collegio nazionale con relativo Direttivo e CT e ben 14 Collegi
    regionali, anche questi con i loro Direttivi e CT, non vi sembrano un
    inutile spreco di risorse e uno strumento che, così com'è
    congegnato, non fa altro che farci perdere autorevolezza e tempo da
    dedicare allo sviluppo della professione? Come possiamo andare avanti
    senza che si sia data risposta a Corrado Conca, agli interrogativi
    sui corsi per Guide Vulcanologiche, alle vicende dei corsi invernali
    per gli AMM e le GV, alla questione del voto e della rappresentanza
    degli AMM e delle GV? Siamo veramente convinti che i nostri problemi
    possano essere risolti dalla magistratura a seguito delle
    innumerevoli denunce per abusivismo che sono state fatte o che si
    intende fare? Mi pare che sia urgente una ridefinizione degli ambiti
    professionali e chissà forse proprio l'intervento autorevole
    dell'AGAI potrebbe essere l'aiuto risolutivo del quale credo abbiamo
    bisogno.

    Grazie per
    l'attenzione.

  • grazia_pitruzzella
    Caro Simone,
    la ragione per la quale facilmente si sconfina in altri ambiti è che tutte le vicende sono strettamente collegate fra di loro.
    Per questo se si osanna la zonazione etnea non si può prescindere dal richiamare il contesto e tutti gli attori che vi si muovono, frutto di dinamiche che con la passione per la montagna hanno davvero poco a che fare.
    Se raccontiamo un soccorso gestito da due enti, come possiamo non ricordare il recente accordo con i Vigili del Fuoco?
    Se interviene un membro della Commissione Antiabusivismo, come non ricordate quanto sia sterile e improduttivo portare avanti battaglie verso l'esterno quando non si conosce a menadito ciò che accade all'interno?
    Davvero la Sicilia è troppo lontana dal nord?
    Davvero credi che ogni regione sia a sé?
    Non facciamo forse capo a un Collegio Nazionale che dovrebbe tutelare e controllare?
    Io credo sia un bene che vengano messe sul tavolo tutte le criticità, e questo non per distruggere ma per costruire un futuro possibile, che al momento appare più che nebuloso.

    Che sia una giornata di grazia per tutti.
  • pozzoli_simone_maria_giuseppe_raffaele
    Vero è che il mio modesto parere di ultimo arrivato, centra poco nel contesto di veterani in cui mi confronto, però che questo forum sia una piazza d'armi più pronta alla guerra che alla costruzione, è una sensazione fastidiosa che mi attanaglia ogni volta che apro il forum...
    Forum che poi, purtroppo è pochissimo seguito dai colleghi, è animato solo da 4-5 voci che spesso si recriminano fatti e misfatti..
    Direi che così non va bene...
    Inoltre le discussioni partono da un argomento per poi allargarsi a altre situazioni, sicuramente importanti, ma che con l'argomento principale c'entrano poco.
    Tutto ciò non aiuta ne stimola una coesione di categoria che invece in questo particolare momento, dove figure dalla dubbia professionalità, minano e invadono non solo i nostri spazi lavorativi (AmM), ma anche e sopratutto quelli di tutte le figure del collegio.
    In Lombardia si stanno svolgendo le selezioni per i nuovi accompagnatori, sono 63 candidati, molto preparati, il segno che i tempi sono maturi per regolamentare e normare una professione in crescita che cerca e non trova risposte.
    Lo ho già detto diverse volte, e lo ripeto, "io sono orgoglioso di appartenere al Collegio".
    Mi muovo nei confini dettati dalla legge e dallo stesso collegio, ma è evidente a tutti che per svolgere bene un lavoro altrimenti fatto da altri (e non mi riferisco alle Guide), è necessario rivedere questi confini e riformare una figura vecchia anacronistica e assolutamente inadeguata per rispondere alle esigenze del mercato.
    Un collegio poco coeso e litigioso non è forte!!
  • caruso_paolo
    Davide il tuo commento ci sta tutto! Quando si superano i limiti, quando c'è chi la fa sempre fuori dal vaso... uno sgrullone risveglia cervello è dovuto.  Un forum dovrebbe essere costruttivo, utile ad affrontare situazioni delicate e a far luce su tanti problemi che dovrebbero essere risolti o almeno migliorati. Invece, rischia di diventare una piazza per insultarsi e Stefano ce la mette tutta per raggiungere questo obiettivo. 
    Il fatto che non otteniamo risposte concrete è un ulteriore dimostrazione che questa baracca non sta in piedi. Se i diretti interessati non rispondono e se nessuno lo fa al loro posto... non è sostenibile. E' anche gravissimo, a mio modesto parere, che dalle elezioni di maggio tutto è fermo e lo sarà almeno fino all'autunno. Se i candidati non hanno tempo e voglia di darsi da fare fin da subito... ma dove andiamo? Non è un'ennesima dimostrazione che la nave è ingestibile? E se è ingestibile non è forse insensato farla navigare'

    Saluti 
  • stefano_michelazzi
    modificato July 2018
    Davide, fammi capire per quale motivo dovrei rispondere di situazioni regionali delle quali può e nel caso dovrebbe dare risposta l'interessato di turno? A quello ho rimandato la tua domanda.
    Se non partecipa alla discussione (ho personalmente richiesto l'intervento degli interessati in data 15 giugno, ma evidentemente hanno deciso di non farlo), nessuno può obbligarli.
    Ufficialmente per quanto ne so io, non esiste alcuna segnalazione di irregolarità e ancor di più mi risulta invece che durante l'ultima tornata elettorale uno dei motivi per cui è stato contestato l'operato del CD uscente è stato proprio  il fatto che alcuni regionali hanno rivendicato la propria autonomia criticando gli interventi nazionali fatto avvenuto anche all'ultimo CD su diversi argomenti.
    Evidentemente su cosa sia costruttivo o meno abbiamo idee diverse. Personalmente non trovo costruttivo accusare qualcuno sulla base di supposizioni e/o contestazioni di vario tipo e genere
    che fino a prova contraria non hanno fondamento, del tipo che le Guide vengono contestate da chi è già stato segnalato per abusivismo di professione, vuoi veramente che si dia voce a questi? Perché al momento le contestazioni ufficiali sulla questione Sicilia sono arrivate proprio da questi personaggi e sempre per il momento è stato in parte dimostrato che sparano cazzate (vedi Stromboli).
    Ho già risposto alle cazzate sulla candidatura presidenziale... andiamo avanti così?
    Dici sia costruttivo?
    Attualmente come ho già scritto, l'attività del nazionale è ferma se non per le pratiche di ordinaria amministrazione, in quanto il nuovo CD non si è ancora insediato e né il Presidente uscente né alcun altro ex componente può intervenire ufficialmente in alcun modo in quanto non ne ha facoltà.
    L'ultimo CD risale al 30 maggio, dopodiché tutto si è fermato in attesa dell'insediamento nuovo, che per motivazioni non derivate né da me né dal Presidente né dai componenti uscenti i quali eravamo tutti concordi, spostando anche per alcuni i propri impegni lavorativi, è stato spostato dal 29 giugno data ultima di validità legale del vecchio CD, a data da destinarsi. Mi sono già espresso piuttosto aspramente sulla situazione nel giro di mail del nuovo CD ed evito qui di commentare, ad ognuno le proprie valutazioni personali sul nuovo che avanza...  
    Quindi visti i fatti e non le supposizioni, chi dovrebbe fare cosa? Può rispondere ai tuoi dubbi solo l'interessato o il collegio regionale. Hai tutti i diritti di chiedere spiegazioni ma rivolgiti a chi può dartele e non è detto che questo voglia comunicare attraverso questo strumento.
    Sul fatto che manchi comunicazione interna hai ragione e personalmente ho fatto rilevare con interventi continui (ci sono le registrazioni nel caso), per quasi tre anni questo fatto a quasi ogni CD ma siccome questa dovrebbe dipendere in principal modo dai regionali, come ho già fatto rilevare anche su questo forum, magari rompere le scatole ai vari CD regionali su questo punto sarebbe opportuno invece di continuare a bersagliare il nazionale che per poco abbia fatto in proposito, ha comunque tentato anche con questo forum di fare qualche miglioramento nel merito. E ti posso assicurare che la creazione del forum è stata motivo di contrarietà da parte di molti ed una battaglia di anni (dal 2013) farlo nascere.
    Avevamo previsto e deliberato un'assemblea nazionale della durata di almeno due giorni, ma vista la situazione ben nota che si è creata è saltata, altri interventi di vario tipo erano già sul tavolo di lavoro ma per le stesse situazioni sono stati solo lavoro per niente...!
    Per il resto del tuo intervento evito commenti.

  • davide_crescenzio
    modificato July 2018
    Stefano, come vedi ti ho lasciato perdere anch'io, però voglio farti notare, a proposito di "comunicazione costruttiva resa vana", che quando uno chiede, per esempio, conto di manovre di corde, falesia e conserva corta a Stromboli, con foto e post su facebook ("Giorno 8 giornata alternativa dopo il rifiuto del tempo sull ETNA... manovre di corda e interesse geologico e botanico super corso!!!" "Oggi a Sarbaggio ( Linguaglossa ) nasce CPC 2018 nuovo tiro 6b+corso guide" "Giorno 9 tempo variabile meglio stare in falesia pulizia rovi e arrampicata a Bronte corso guide Sicilia ") pubblicate da una guida alpina (non istruttore) in un corso Guide Vulcanologiche (faccio notare, 19 partecipanti con un istruttore nazionale), tu rispondi con un  "telefona a Trepin", non mi pare tu sia il "paladino" della comunicazione costruttiva e onestamente fai girare i coglioni (scusa il francesismo). Tu in questi casi non tiri fuori un grano di riferimenti obiettivi e oggettivi con leggi e link vari; detto in altre parole non mi convinci per niente. Quindi  aspettiamo pareri più autorevoli (già richiesti a mezzo telefono), e spero arrivino al più presto a questo punto, e non solo riguardo questo "piccolo" aspetto appena citato. Mi hai stufato tu e chi non risponde a domande lecite e mirate. Bel forum, complimenti, a te che l'hai promosso, e a tutti i colleghi che non leggono ne intervengono, col risultato che io e pochi altri passiamo anche per monopolizzatori. Vai a quel paese. 
    E, stai attento, non mi tirare fuori ancora la storia che potevo candidarmi perché me li fai girare ancora di più, ed è la volta che divento veramente volgare e allora il forum (privato o meno che sia) va veramente a farsi friggere.
    Per Amedeo, Paolo e tutti (pochi) altri: scusate l'off topic.
    Buona notte.
    Davide
  • stefano_michelazzi
    Beh...che dire? 
    Paolo hai detto e sai tutto tu... Complimenti vivissimi per la tua onniscenza che però si discosta mille miglia da verbali, delbere e lavoro svolto in questi anni, dei qiali però son stufo di parlare. Un professionista si informa... di professionismo a mio parere in questi post ne vedo poco viste le domande continue su ogni singolo capello... ma soprattutto le falsità espresse delle quali ti sei esentato dal riprodurre le fonti... Nevvero?
    Per tua migliore informazione ho avuto il 41% in più di voti rispetto la precedente tornata... A me sembra positivo tu realizza ciò che vuoi...
    Certo è che su questo  forum che personalmente ho fortemente voluto, alcune voci hanno monpolizzato rendendo vano il tentativo di poter comunicae con tutti in maniera costruttiva. Peccato poteva essere una buona occasione.
    L'educazione la lascio a te che evidentemente ne sei detentore la difesa della categoria invece rimane mia prerogativa e magari chissà che tu non ne capisca il perchè tra qualche tempo... Chissà... Mistero... ;-)


  • grazia_pitruzzella
    Grazie infinite ad Amedeo e Paolo per ricordare che l'unione, la condivisione e gli scopi comuni rappresentano la vera forza di una categoria.
  • caruso_paolo
    Scusate

    Stefano sappi pure che nelle penultime elezioni Cesabianchi lo votai. Ma dato che non ho deciso di suicidare me e tutta la nostra professione... ritengo sia nostro dovere impegnarsi al massimo per continuare a sopravvivere. Ti ho scritto che, facendo un paragone, SE fosse che un RENZI o un Monti oggi diventassero presidenti del consiglio sarebbe la vera fine della democrazia... si tratta di voci non di dati certi anche perchè, come tu ben ricordi, ancora siamo in alto mare. Ma sai che mettere in guardia a volte è sufficiente per evitare le catastrofi... a buon intenditor...

    Ciao!!  
  • caruso_paolo

    Stefano, se non condividi le mie idee... mi dispiace molto per
    te. Infatti, equivale a dire che sei favorevole a sprecare risorse nei soccorsi
    con l’intervento simultaneo di due elicotteri più le relative squadre, che sei
    favorevole a una minor efficienza nei confronti degli infortunati, così come
    che sei favorevole a un Collegio Nazionale che non fa nulla per opporsi ai
    Parchi Nazionali che ostacolano e vietano l’alpinismo e, ancor più grave,che li
    spalleggiano e che penalizzano e multano le guide alpine durante l’esercizio
    della professione, e poi che non vuole che una importante categoria di colleghi
    possa esercitare il diritto di voto (gli AMM), e poi ancora che non si agisca per favorire la qualità nella formazione (vedi questione Lavori in Fune o crediti
    aggiornamenti AMM/AIML/UIMLA o ancora la formazione nella tecnica del movimento
    – cioè quello che il mio lavoro ha portato anche all’interno della categoria,
    nonostante i tentativi maldestri di alcuni mischiare e camuffare i contenuti -
     e così di seguito.

    Se fossi in te mi preoccuperei seriamente perché dovrei
    ammettere di essere ostile a chi agisce per migliorare le cose e a favore di
    chi realmente distrugge il giusto ordine...

    Io non odio nessuno, tantomeno Cesabianchi. Sappi che lo conosco
    da una mezza vita e mi stava anche simpatico; in occasione dell’incontro che ho
    tenuto personalmente a Milano per spiegargli fino nei dettagli tutta la assurda
    questione relativa al Parco Naz. dei Sibillini, gli feci i complimenti perché sembrava
    operasse per il bene ma poi... in realtà purtroppo abbiamo tutti dovuto capire
    che i meriti spettavano ad Andrea Sarchi e forse a pochi altri (leggete quanto
    ha scritto anche in questo forum). Beh se non sai neanche di queste cose è del
    tutto inutile continuare a scriverti ma per l’ultima volta lo faccio e ti
    sottolineo che non si tratta di questioni personali ma di salvaguardare il
    cuore del nostro lavoro a dispetto di coloro che con le loro azioni lo stanno
    affossando. Punto e chiuso. Poi, devi anche sapere che non mi occupo di politica perché
    sono impegnato in altre faccende che ritengo ancora più importanti, ovvero
    tutto il lavoro che ha portato a un importante salto di qualità e conoscenza
    nella formazione e nella tecnica delle nostre attività principali... ma forse
    neanche sai di che si tratta. Ma a questo punto se fossi in te mi preoccuperei ancora
    più seriamente.

    Per ultimo, ti do un consiglio di cuore, la prossima volta che
    ti candidi, se vuoi ottenere qualche voto in più, evita i tuoi modi aggressivi
    e offensivi e maleducati: sono modi primitivi che favoriscono solo il male e allontanano
    da certi temi i nostri colleghi. Credo che in parte il messaggio ti è arrivato,
    ma ricordati solo che non dovevi cambiare i modi solo con me ma le devi
    cambiare dentro di te...

    Se poi volessi dare qualche risposta su temi scottanti come la
    questione dell’arrampicata durante la formazione delle guide vulcanologiche...
    Ma purtroppo è noto che le tattiche di tutti quelli che vorrebbero fare i “politici”
    consistono nel fare finta di nulla, soprattutto nei confronti di questioni
    imbarazzanti che li mettono a nudo. Da ora, se non capisci, eviterò di
    risponderti ulteriormente.

    Saluti a tutti

  • stefano_michelazzi
    modificato June 2018
    Caro Paolo,
    darti ragione perché ciò che hai scritto che, per come la vedo io, rappresenta una verità imparziale ovvero il tuo intervento social tende a capire le motivazioni e non a scannare qualcuno, non significa che condivida le tue idee in generale, anzi, e non significa neanche che ce l'abbia con te o meno, dato che di persona nemmeno ci siamo mai visti.
    Se poi intendi che controbattere le tue idee di destabilizzazione del quadro normativo che ci cataloga come professionisti ed è l'unica tutela nei confronti della categoria, sia cercare la lite, allora credo che sia il caso che rivedi un attimo i concetti di lite e dibattito e magari anche quelli di "operare per la categoria"...
    Personalmente non apprezzo né i tuoi concetti né tantomeno quelli di Desantis.
    Non condivido nemmeno quel modus operandi che ti vede come inquisitore ma non certo in prima linea, visto che come già scrissi, le recenti elezioni sarebbero state il campo giusto per manifestare le proprie idee e ragioni e, nel caso, farle valere.
    Per le Marche ti ho già risposto a suo tempo e la mia posizione rimane la stessa, per quanto riguarda invece il CD in carica fino a ieri ed il suo Presidente, che evidentemente odi aspramente, da come ti esprimi su di lui, mi piacerebbe sapere da dove arrivino le tue notizie e chi siano le tue fonti così "ben informate" da non sapere che il nuovo CD non si è ancora insediato, che ancora non è stata trovata una data utile alla presenza di tutti i nuovi consiglieri e membri di diritto e che fino ad allora le candidature per la Presidenza non esistono, anzi il direttivo ancora non risulta ufficialmente. D'altra parte esercitiamo come Guide alpine ed in piena stagione diventa veramente difficile conciliare tutto.
    Meglio informarsi prima non credi...???
    Altrimenti rischi di diventare monotono ed potrebbe sembrare che tu sia propenso alla privatizzazione di un ente pubblico per scopi personali... peccato no...?
  • caruso_paolo

    Dunque,
    mi fa piacere che Stefano Michelazzi abbia compreso l’importanza del
    conflitto generatosi tra VVF e 118, con Soccorso Alpino,
    relativamente al mio post sul soccorso nei Sibillini. Come ho chiarito in altre
    occasioni, ogni irregolarità che si verifica nel territorio italiano,
    soprattutto quando sono coinvolti organismi nazionali (come i VVF o il 118), è
    di interesse nazionale. Anche perchè ciò che accade qui ed ora può accadere
    domani ovunque.

    Però... Stefano
    Stefano... tanto mi fa piacere che tu abbia compreso che non è bene cercare la
    lite a tutti i costi con il sottoscritto, quanto mi farebbe piacere se tu
    facessi un passo ulteriore e capissi che non è bene cercare la lite con nessuno,
    tanto meno con Amedeo e con chiunque agisca con capacità e professionalità per il
    bene della categoria, proprio come fa Amedeo. Tuttavia, dato che mi piace
    mantenere la parola spesa, resta sempre valido l’invito che ti ho fatto di
    essere mio ospite.

    Ciò detto, ci tengo a precisare che da
    quanto emerge in zona Sibillini (ricordo che io non ho nulla a che fare con il
    Soccorso Alpino e tantomeno con i VVF), la situazione caotica vigente non può
    che essere il frutto dell’operato di una parte degli addetti ai lavori e dei
    professionisti, sia a livello nazionale che della regione Marche. E questo non
    sono io a sostenerlo né tanto meno Amedeo De Santis che conosce perfino meglio di
    me le dinamiche che hanno portato all’attuale situazione, sempre nella regione
    Marche, in quanto é stato iscritto in quel collegio regionale. Non credo che
    devo ricordare le responsabilità di
    quanto è accaduto con il
    Parco Naz.Sibillini, così come nella commissione lavori in fune e con l accordo
    con i VVF. Con questo quadro il minimo che possa accadere sono le situazioni
    paradossali descritte nel Post su facebook. Non credo ci sia bisogno di
    ricordare quali sono le persone, che poi sono sempre le stesse, il cui operato
    ha generato difficoltà a molti e in diversi fronti. Basta fare 2+2, non è
    difficile.

    Per quanto riguarda
    la 6/89 con la miriade dei collegi regionali e con relativi costi inutili, io
    stesso mi sono più volte chiesto, e lo ho perfino scritto in alcuni commenti, se
    non sia opportuno abrogare la stessa legge 6/89. Siamo in un marasma tale da
    rischiare di essere perfino penalizzati da una legge che invece doveva tutelare
    la nostra professione, con semplicità piuttosto che catapultarci in un baraccone
    burocratico di difficile gestione. E mi riferisco alle GA e, allo stesso tempo,
    agli AMM...più passa il tempo e più mi domando: a cosa servono
    all'atto pratico
    i collegi? Che vantaggi ci danno? E se me lo chiedo io come GA immagino cosa
    potrebbero pensare gli AMM...

    Mi è perfino giunta
    voce che è stato riproposto Cesabianchi come presidente perché vive a Milano e
    quindi sarebbe una situazione di comodo per i nuovi eletti... ma stiamo
    scherzando? Come se oggi in Italia dopo le ultime votazioni ci fosse Renzi come
    capo del governo. Surreale. Che senso ha allora il voto? Credo che non sia
    opportuno e neanche legittimo che chi ottiene pochi voti, cioè che è tra gli
    ultimi posti nelle votazioni, sia il presidente del Collegio Nazionale. Per la
    seconda volta questo anno ho votato, ma non credo sia possibile accettare
    l’inaccettabile.

    Se così fosse, ritengo inevitabilmente un dovere intervenire e prendere seriamente in considerazione, oltre  all'abrogazione della legge, il commissariamento del Collegio.

    Piuttosto che un
    caos normativo, piuttosto che una legge che non consente il voto a una categoria
    professionale, piuttosto che sperperare risorse in miriadi di collegi
    regionali, anche quando sono costituiti da 3 o 4 GA con diritto di voto.... potrebbe essere meglio cancellare tutto e ricominciare da capo. La realtà anglosassone, ad
    esempio, è senz’altro da preferire: chi merita lavora, chi ha referenze viene
    riconosciuto, senza le tante arzigogolature e marasmi burocratici all’italiana che favoriscono quasi sempre solo coloro che non hanno
    meriti.

  • pozzoli_simone_maria_giuseppe_raffaele
    In Lombardia così come in altre regioni, il soccorso è ben coordinato, quanto successo, mi sembra sia da imputare più ad una difficoltà organizzativa locale che ad un accordo nazionale, poi ognuno veda ciò che vuol vedere...
  • stefano_michelazzi
    modificato June 2018
    Il post di Paolo Caruso pone degli interrogativi importanti, seri e precisi, non di certo pone l'obiettivo sul recente accordo Guide alpine e VVF e sottolineo: Guide alpine-VVF.
    Desantis come sempre, si è già capito ampiamente da che parte penda, tenta di stravolgere i fatti ma è piuttosto palese che sia il caso di lasciare ad ognuno il suo mestiere, come giornalista avrebbe poche chances e come AMM al momento non ha né interesse né voce in capitolo in questo ambito visto che sempre al momento, l'accordo parla espressamente di Guide alpine.
    Questo è un forum dedicato, gli avvocati del diavolo se ne stiano a casa loro.
    Una volta di più invece con questo caso che non è l'unico, viene rilevato un problema organizzativo dipendente da una non trascurabile confusione di ruoli, creata dalle troppe leggi a riguardo, che alla lunga potrebbe diventare dannoso ed al quale con quell'accordo siamo chiamati ad operare come formatori per la protezione civile. Ci spetterà, appena si delineeranno e definiranno gli applicativi, il difficile compito di evidenziare i diversi ruoli nelle diverse tipologie di intervento.
    L' apporto delle Guide alpine quindi, in questo caso, sarà fondamentale come già avevamo espresso.
    Desantis, comunque grazie! 
    Non capita spesso che chi vorrebbe demolire il sistema (l'hai detto tu che vorresti abrogare la 6/89) e quindi indegnamente ne fa parte (la porta è sempre aperta e ti aspetta), dia una mano a far comprendere l'importanza di un passo come quello operato in questo senso.

Lascia un Commento

Ciao!

Sembra che tu sia nuovo da queste parti. Se vuoi partecipare, accedi con le tue credenziali.

Ti informiamo che puoi accedere inserendo email e password dell'Area riservata del sito Guidealpine.it